Controlli sulle imprese

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

Sezione relativa ai controlli sulle imprese, come indicato all'art. 25 del d.lgs. 33/2013.

L'ATER svolge sulle imprese i controlli in materia di contratti pubblici i quali sono dettagliatamente disciplinati dal relativo Codice, di cui al D. Lgs. num. 163/2006 come integrato e modificato. L'oggetto di detti controlli e' individuato, in modo dettagliato:

  1. dall'art. 38 di tale Codice, che prevede i requisiti di carattere "generale" operanti, indistintamente, per Forniture, Lavori e Servizi (relativi, in sintesi, alla regolarita' contributiva e fiscale delle Imprese, alla corretta applicazione dei contratti collettivi di categoria, all'adempimento della normativa sulla sicurezza nei luoghi di lavoro, all'assenza di condanne penali "definitive" per reati gravi incidenti sulla moralita' professionale dell'operatore, all'assenza delle misure interdittive previste dalla normativa antimafia;
  2. dall'art. 40 dello stesso, che prevede i requisiti di carattere "speciale" (ossia economico-finanziari e tecnico-organizzativi) in materia di Lavori;
  3. dagli articoli 41 e 42 del medesimo, che prevedono, per Forniture e Servizi, rispettivamente i requisiti economico finanziari e tecnico/professionali/organizzativi.

Le modalita' della effettuazione di tali controlli sono individuate dagli articoli 6-bis e 48 del suddetto Codice, oltre che dagli articoli 46 e 47 del D.P.R. num. 445/2000.

Al riguardo si precisa comunque che l'Allegato 1) della Determinazione ANAC n. 8 del 17/06/2015 - Linee guida per l'attuazione della normativa in materia di prevenzione della corruzione e trasparenza da parte delle società e degli enti di diritto privato controllati e partecipati dalle pubbliche amministrazioni e degli enti pubblici economici - contenente i principali adattamenti degli obblighi di trasparenza di cui al D.Lgs. n. 33/2013 per le società e gli enti di diritto privato controllati o partecipati da pubbliche amministrazioni, definisce non applicabili a tali enti alcuni obblighi di trasparenza richiamati dal citato Decreto, tra cui quello dell'art. 25 riferito proprio ai Controlli sulle imprese.